Marzia Allietta. La natural blogger dal cuore rock

Tags: 

A volte, mentre sono in corso gli incontri nell'area comune, mi prendo un attimo tutto per me in cui blocco il tempo e mi guardo intorno. Le voci mi cullano e io penso a quanto sono fortunata a contenere tutta quella vita e così tanti sorrisi.

 

Molto spesso a contribuire al piacere di stare insieme sono i sapori, i profumi, la condivisione... e qui a Portmanteau, quando si parla di cibo, bussa alla porta con la sua inconfondibile scampanellata una nuvola bionda.

Marzia Allietta, sul web Coffee&Mattarello, è difficile da tenere racchiusa in una descrizione. Come la sua straripante simpatia, ha interessi che sconfinano in tanti campi: dalle ricette di cucina e cosmesi naturale, alla fotografia, al cinema, al rock. Insomma è una ragazza che sa far tutto, diciamocelo.

Mi ha conquistato con dei biscotti al pepe, poi sono seguite frolle alla lavanda, pesti di pomodori secchi, insalate di finocchi e melograno, perfino fragolemammella! Marzia, infatti, è stata una delle protagoniste della Cena al contrario, che abbiamo organizzato, insieme ad Annalisa Menin di à la c'Art, il giorno di San Valentino. Ha un talento naturale (ça va sans dire) per gli abbinamenti, quindi non potevamo che affidare a lei il compito delicatissimo di scegliere un menu equilibrato per arrivare incolumi dall'ammazzacaffè all'antipasto! E allora restate sintonizzati per i prossimi appuntamenti... Non potete proprio perderli!

Coltiviamo da mesi il sogno di proporvi un corso tutto suo sui rimedi naturali, che consiglia già con la sua proverbiale generosità a noi amiche e su Radio Italia Uno tutti i lunedì. So che quel giorno è sempre più vicino, intanto però ci possiamo godere la sua compagnia e le sue delizie "guilt free" in tutti gli altri appuntamenti da Portmanteau: il club del tè con Rose e More Tea Sommelier, il bookclub Teste di medusa (prossimi appuntamenti 18 marzo e 22 aprile) e i workshop con Valentina Mossa.

Quando le ho chiesto dove va a cercare serenità e bellezza qui in città, mi ha dato una risposta che dice tutto su di lei e sul piacere della vita che trasmette a chi le sta intorno: « Non c'è nemmeno un posto dedicato al cibo, perché ritengo che il cibo debba essere un modo di viaggiare. Non ha senso gustare un buonissimo piatto in un bellissimo luogo asettico e magari da soli al tavolo. Torino è piena di posti di cibo interessanti e sinceri, ma non sono mai riuscita ad eleggere il "miglior ristorante della città". Penso invece a esperienze di cibo meravigliose perché fatte proprio in quel luogo e in quel momento. Includono chi è seduto al tavolo, cosa abbiamo voglia di mangiare e cosa proprio non ci va, cosa stiamo vivendo proprio ora e proprio lì. Il sapore di un panino diviso sul lungo Po con qualcuno, mentre vi raccontate tutta la Torino che avete negli occhi, vincerà sempre su qualsiasi ristorante blasonato. »

 

I posti del cuore di Marzia:

Borgo Campidoglio, con il suo mercato e i ciottoli per le strade, Piazza Maria Teresa con gli alberi più belli di Torino, il Parco della Tesoriera e quella sponda verde che ti fa camminare sopra via San Donato, partendo da Corso Tassoni, un mini-parco che non ti aspetti...

portmanteau